Come comunicare le cattive notizie

di Roberto Malacrida La scorsa settimana i mass media svizzeri e italiani si sono interessati molto della tragedia di una giovane paziente italiana ammalata di leucemia, diagnosticata a Padova e presa in cura anche in Svizzera: prima all’Ospedale San Giovanni e in un secondo tempo alla Clinica Paracelsus Al Ronc di Castaneda (Grigioni). La tragica…

Il viaggio, metafora dell’apprendimento

di Roberto Malacrida, municipale di Bellinzona In questi giorni di inizio dell’attività scolastica capita di riflettere sul significato profondo dell’educazione, sulle gravose responsabilità che si assume chi ha il delicato compito di educare e sulla percezione che l’allievo ha della sua esperienza educativa.

Etica e sanità

di Roberto Malacrida I limiti culturali dei Consigli d’amministrazione delle aziende (ospedaliere) sono legati a voler fare del bilancio una religione, spesso incapaci di comprendere la realtà che li circonda, perché tesi a voler assumere quale massimo orizzonte di riferimento l’efficienza, pensando che ciò che è bene per l’azienda è bene per il cittadino (paziente).…

Anzianità e dintorni

di Roberto Malacrida, candidato al Consiglio degli Stati L’evoluzione demografica del nostro prossimo futuro non lascia dubbi alla previsione che la nostra società sarà confrontata con la problematica degli anziani, ma, soprattutto, dei “grandi anziani”, cioè delle persone con più di ottant’anni. La Confederazione aiuta molto su tematiche specifiche che, in questi anni, si sono…

La sanità tra pubblico e privato

di Roberto Malacrida, candidato al Consiglio degli Stati Il Consiglio federale ha deciso, lo scorso giugno, che il diritto alla salute sia considerato fondamentale per ogni essere umano. L’universalità di tale diritto impone in primo luogo un dovere di equità, tale da garantire a ciascuno condizioni di benessere, combattendo le ineguaglianze esistenti e ottimizzando le…

Perché la sinistra resta in campo

di Roberto Malacrida, candidato al Consiglio degli Stati Le elezioni per il rinnovo del Consiglio nazionale dello scorso 18 ottobre ha reso visibile la mancata incisività della sinistra nel convincere i cittadini a riflettere sull’opportunità di privilegiare quei valori umani e politici che permettano a chi sta peggio di stare meglio e a chi oggi…