Il grande bluff dell’aeroporto di Lugano-Agno

di Martino Rossi, economista

Lo si intuisce dai servizi giornalistici, ma è bene essere espliciti: la trattativa fra LASA (Lugano Airport) e la Città da una parte e la compagnia aerea Skywork «salvatrice dell’aeroporto» dall’altra, è stata un grande bluff. Non c’è altra spiegazione: il direttore di LASA non è uno sprovveduto (ha diretto Darwin Airlines per anni) e Skywork è morta oggi ma non è nata ieri, bensì nel 1983. Skywork era con l’acqua alla gola: lo sapeva anche il Gigi di Viganello. LASA pure: lo scorso anno ha perso 1,2 milioni (1,6 senza il contributo della Città per gli affitti); ne ha persi 8,4 nei suoi 12 anni di vita (12,9 senza quei contributi); il suo capitale proprio, dopo la ricapitalizzazione del 2011, è già ridotto a 1/4 del suo capitale azionario, che è di 4 milioni.

TramTreno Luganese progetto da perfezionare

di Bruno Storni, Deputato PS al Gran Consiglio

Dopo i 72 mio stanziati nel 2003 per la Ferrovia Mendrisio Varese, i 90 mio che abbiamo votato in GC per la partecipazione al progetto TramTreno da 400 mio, rappresentano il più grande investimento Cantonale della storia per il Trasporto Pubblico (TP). Sono comunque pochi se consideriamo quanto speso per Vedeggio-Cassarate, Mappo-Morettina, ecc., senza risolvere i problemi del traffico avendo fatto nel contempo pochissimo per il TP. Tant’è che nella Città Ticino l’uso del TP è meno della metà della media nazionale.
C’è quindi tanto da recuperare, il TramTreno, si prevede, porterà un aumento di 5200 passeggeri/giorno (2030).

Nuove Officine FFS: accordo perdente

di Bruno Storni, Deputato PS al Gran Consiglio

Dopo l’intenzione nel 2008 delle FFS, sventato grazie allo sciopero delle maestranze, di chiudere la sede di Bellinzona, sembra si stia arrivando alla soluzione con la sottoscrizione di una Dichiarazione d’intenti da parte di FFS, Cantone e Comune di Bellinzona presentata a fine 2017.
FFS prevedono la costruzione di un nuovo Impianto Industriale dedicato alla manutenzione dei moderni elettrotreni, infrastruttura necessaria all’esercizio di gran parte dell’odierna flotta di treni passeggeri (Flirt, ETR 610) e del futuro (Giruno), treni non più composti da locomotive e vagoni ma composizioni uniche lunghe fino a 200 metri.

Non regaliamo la nostra TV a Berlusconi!

di Raoul Ghisletta,

Votiamo compatti contro l’iniziativa popolare No Billag, che vuole proibire la riscossione di ogni tipo di canone nel nuovo capoverso 5 dell’articolo 93 della Costituzione federale. Come verrebbero finanziate, se l’iniziativa fosse accettata, la Radio e la TV? L’iniziativa prevede al capoverso 3, che “La Confederazione mette periodicamente all’asta concessioni per la radio e la televisione.”.

No-Billag: castigare per castigarsi

di Gianrico Corti, Deputato PS al Gran Consiglio

No Billag è un’iniziativa chiara, diretta, radicale. “Non mi va questa azienda svizzera di servizio pubblico che produce informazione, dibattiti e altri programmi di formazione, cultura, sport, intrattenimento e tempo libero. Non mi va che, fedele alla Costituzione federale, si preoccupi di identità,coesione e solidarietà nazionale e di difesa e promozione delle nostre quattro lingue e culture. Mi stanno antipatici o troppo di parte molti di quelli che sento o che appaiono, come pure certi stipendi dei capi e il loro distacco, la loro spocchia”. Ohibò, ecco l’occasione per chiudere il mio borsellino, troppo sollecitato anche da altre spese. Quante di queste voci si sentono in giro! Tutto questo nonostante preoccupate e importanti prese di posizione istituzionali di avviso opposto, dal Consiglio federale, ai Cantoni, ad associazioni nazionali e locali, alla significativa maggioranza nel Parlamento federale dei partiti nei quali i cittadini si riconoscono.

Idroelettrico in crisi: la soluzione svedese

di Bruno Storni, Deputato PS al Gran Consiglio pubblicato dal “Corriere del Ticino” Si è chiusa in questi giorni la consultazione sulla proposta di legge che prevede una sostanziale riduzione dei canoni d’acqua per far fronte alla crisi dell’idroelettrico svizzero. L’adagio è conosciuto: si vogliono tagliare i canoni per ridurre i costi di produzione che…