Parco nazionale: un’opportunità da cogliere

di Manuele Bertoli, Consigliere di Stato PS

Nel Locarnese, dove vivo, la campagna di votazione negli otto Comuni toccati dal progetto di parco nazionale si sta infiammando. Le ragioni a favore del sì sono chiare: anche senza tener conto degli aspetti naturalistici, si tratta di un’opportunità che sarebbe peccato lasciarci scappare, sia dal profilo della promozione del territorio, sia dal profilo delle opportunità economiche che il parco potrebbe generare, sia dal profilo dei contributi di oltre 50 milioni in 10 anni.

L’imposta di circolazione e la quadratura del cerchio

di Bruno Storni, Deputato PS al Gran Consiglio

 
La recente decisione del Camera di diritto tributario del Tribunale di appello annulla l’aumento delle imposte sulla circolazione introdotto dal Consiglio di Stato nel 2017, definendolo contrario al principio della legalità e della buona fede avendo portato ad aumenti fino al 100%. Va detto che l’aumento di 6 milioni, proposto nel pacchetto di riequilibrio del marzo 2016, confermato nel Preventivo 2017 è stato di fatto avvallato due volte dalla maggioranza del Gran Consiglio. Per giustificarlo il Consiglio di Stato si è avvalso dell’art 1.a cpv 5 della Legge sulle imposte e tasse dei veicoli a motore «il Governo verifica periodicamente, almeno ogni due anni, il coefficiente di moltiplicazione alfine di garantire la neutralità finanziaria».

Trasporti pubblici ci vuole molto di più

di Bruno Storni, Deputato PS al Gran Consiglio

A più di 30 anni dall’entrata in vigore dell’Ordinanza contro l’Inquinamento Atmosferico OIAt e sebbene il livello di quasi tutti gli inquinanti sia diminuito, nel nostro Cantone registriamo ancora troppo sovente livelli di inquinamento atmosferico chiaramente fuori legge che mettono in pericolo la salute della popolazione. La recente proposta del deputato Massimiliano Ay a voler introdurre la gratuità del Trasporto Pubblico TP quando si superano i 50 microgrammi di PM10 invece dei 100 che ha adottato il CdS, è chiaramente  una misura contingente con effetti sulla qualità dell’aria solo quando questa e già compromessa, ma rappresenta un nuovo campanello d’allarme.

Il Ticino in cui vorremmo vivere

di Ivo Durisch, Capogruppo PS al Gran Consiglio

Negli scorsi quarant’anni il territorio del fondovalle ticinese ha subito una trasformazione senza precedenti caratterizzata da uno sviluppo caotico che poco o niente ha tenuto conto del principio, sancito nella legge federale sulla pianificazione del territorio, di un utilizzo parsimonioso del territorio.

Solo vantaggi con la nuova strategia

di Marina Carobbio, Consigliera nazionale PS

Nelle scorse settimane i giornali sono stati invasi da inserzioni contro la revisione della Legge sull’energia rivolti agli inquilini. Come membro di comitato dell’Associazione svizzera degli inquilini e presidente fino allo scorso novembre, non solo mi oppongo fermamente a questo utilizzo pretestuoso degli inquilini per far campagna contro una svolta energetica necessaria, ma voglio anche mettere in guardia gli inquilini stessi da queste informazioni scorrette e fuorvianti, che inducono a pensare che la strategia energetica 2050 causerà costi esorbitanti a loro carico.

Strategia energetica 2050: Marchesi guarda indietro

Bruno Storni, Deputato PS al Gran Consiglio

Si continua a non voler inquadrare la SE2050 nel suo insieme, combattendola isolando dal contesto alcuni aspetti particolari. Come in qualsiasi meccanismo complesso non si può puntare il dito sul singolo ingranaggio dicendo che non basta a far girare la macchina ma bisogna considerare l’insieme che è il risultato di singole elementi e delle correlazioni.