Scuola che verrà: 10 motivi per votare SÌ

di Manuele Bertoli, Consigliere di Stato e
Direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport

 

Scuola che verrà: 10 motivi per votare SÌ a un’esperienza triennale

1) SÌ a misure concrete che permetteranno di rafforzare le competenze degli scolari ticinesi.

2) SÌ a garantire le pari opportunità a tutti e sostenere meglio ognuno in base alle proprie caratteristiche individuali.

3) SÌ a rafforzare ulteriormente la scuola Ticinese, già tra le migliori in Svizzera, investendo sulla continuità.

4) SÌ a fare un’esperienza che permetterà ai docenti di seguire le allieve e gli allievi più da vicino.

5) SÌ a un’esperienza triennale con una valutazione scientifica esterna, come richiesto dal Parlamento.

6) SÌ a misure concrete che permettono di seguire meglio ogni allievo, quelli più bravi, quelli meno bravi e quelli nel mezzo.

7) SÌ a rendere ancora più equa la scuola ticinese superando i livelli A e B e sostituendoli con più ore-lezione a metà classe e doppio docente per seguire meglio ognuno.

8) SÌ a investire per il futuro dei nostri giovani e per l’innovazione scolastica.

9) SÌ a un miglior rapporto tra numero di docenti e di allievi, al fine di migliorare la qualità della scuola.

10) SÌ a rafforzare la percezione della formazione professionale grazie all’abolizione dei livelli B.

Le informazioni sul progetto in sintesi: http://www.ti.ch/lascuolacheverrà – Le ragioni per votare SÌ: http://www.si-scuoladitutti.ch