Ar­go 1: un pes­si­mo mes­sag­gio ai la­vo­ra­to­ri e ai sin­da­ca­ti!

di Ivan Cozzaglio, PS Biasca
pubblicato da ‘La Regione’

 

La no­ti­zia del­la so­spen­sio­ne dell’ex di­pen­den­te di Ar­go 1, che ha de­nun­cia­to a Unia le ir­re­go­la­ri­tà nel con­teg­gio del­le ore di la­vo­ro e nel pa­ga­men­to dei sa­la­ri, è una pes­si­ma no­ti­zia per tut­ti i la­vo­ra­to­ri e le la­vo­ra­tri­ci che in­ten­do­no fa­re va­le­re i pro­pri di­rit­ti, de­nun­cia­re ir­re­go­la­ri­tà, in­giu­sti­zie o del­le con­di­zio­ni di la­vo­ro inac­cet­ta­bi­li. È giun­ta an­che no­ti­zia che l’ex di­pen­den­te sa­rà rein­te­gra­to dal suo nuo­vo da­to­re di la­vo­ro, ma il ma­le è fat­to e non è per nien­te ac­cet­ta­bi­le.
L’ag­gra­van­te è che il nuo­vo da­to­re di la­vo­ro dell’ex di­pen­den­te di Ar­go 1 lo ha so­spe­so in se­gui­to al­la pres­sio­ne di un al­to fun­zio­na­rio del Dss e ad un ar­ti­co­lo pub­bli­ca­to in pri­ma pa­gi­na dal “Cor­rie­re del Ti­ci­no”. Un ar­ti­co­lo e una di­men­sio­ne com­ple­ta­men­te spro­por­zio­na­ti e in­giu­sti in cui il la­vo­ra­to­re è sta­to de­fi­ni­to “un in­fil­tra­to” di Unia, dan­do in pa­sto all’opi­nio­ne pub­bli­ca la sua iden­ti­tà e le sue ge­ne­ra­li­tà, af­fer­man­do del­le in­for­ma­zio­ni che non cor­ri­spon­do­no al­la ve­ri­tà e per cui non è sta­ta da­ta la pa­ro­la né al la­vo­ra­to­re né al sin­da­ca­to.

È a dir po­co uno scan­da­lo che in que­sti 8 me­si, da quan­do il ca­so Ar­go 1 è emer­so, il so­lo che ha do­vu­to su­bi­re del­le con­se­guen­ze inac­cet­ta­bi­li sia il la­vo­ra­to­re che ha te­sti­mo­nia­to e che ha de­nun­cia­to le ir­re­go­la­ri­tà di Ar­go 1. Il pro­ble­ma non è di si­cu­ro il la­vo­ra­to­re, ma le con­di­zio­ni in cui il Can­to­ne e il Di­par­ti­men­to di Pao­lo Bel­tra­mi­nel­li han­no da­to man­da­to ad Ar­go 1 per un im­por­to to­ta­le di 3,4 mi­lio­ni di fran­chi! Il pro­ble­ma non so­no gli ex di­pen­den­ti né i te­sti­mo­ni, ri­te­nu­ti at­ten­di­bi­li dal­la Ma­gi­stra­tu­ra. Lo scan­da­lo è do­vu­to al lun­go elen­co di ir­re­go­la­ri­tà che ri­guar­da­no Ar­go 1 e il man­da­to del Can­to­ne! Il Con­trol­lo del­le fi­nan­ze ha con­sta­ta­to la rei­te­ra­ta vio­la­zio­ne del­la Leg­ge sul­le com­mes­se pub­bli­che, è sta­to de­ter­mi­na­to che Ar­go 1 non esi­ste­va quan­do il man­da­to le è sta­to at­tri­bui­to dal Can­to­ne e che non ave­va nem­me­no il per­so­na­le suf­fi­cien­te! Il ve­ro pro­ble­ma è che men­tre il fal­li­men­to di Ar­go 1 è sta­to pro­nun­cia­to lo scor­so me­se di ago­sto, dei la­vo­ra­to­ri at­ten­do­no an­co­ra il pa­ga­men­to del­le ore non di­chia­ra­te e pa­ga­te in con­tan­ti. So­no i la­vo­ra­to­ri gli uni­ci ad aver pa­ga­to il prez­zo di que­sto scan­da­lo. Il sin­da­ca­to Unia ha de­nun­cia­to che agli ex di­pen­den­ti di Ar­go 1 man­ca­va il 30% sul­la lo­ro bu­sta pa­ga e che su­bi­va­no mi­nac­ce di li­cen­zia­men­to vol­te a im­por­re il lo­ro si­len­zio: una si­tua­zio­ne che con­fi­gu­ra l’ipo­te­si di rea­to di usu­ra!

In­ve­ce del do­vu­to so­ste­gno e del ri­spet­to del­la lo­ro iden­ti­tà, i la­vo­ra­to­ri che han­no te­sti­mo­nia­to so­no sta­ti mes­si sul­la go­gna me­dia­ti­ca dal “Cor­rie­re del Ti­ci­no”, che ha agi­to per scre­di­tar­li sul­la ba­se di un do­cu­men­to ri­ser­va­to del Con­si­glio di Sta­to e tra­smes­so al­la Ma­gi­stra­tu­ra. Per­ché que­sto do­cu­men­to è sta­to fat­to? Da chi e se­con­do qua­li mo­da­li­tà? Chi lo ha con­se­gna­to al CdT ben­ché fos­se “ri­ser­va­to”? Per­ché? An­che a que­ste do­man­de va da­ta ri­spo­sta, ol­tre a tut­ti i que­si­ti an­co­ra aper­ti sul­lo scan­da­lo Ar­go 1. In­ve­ce del­le do­vu­te ri­spo­ste, ab­bia­mo al con­tra­rio as­si­sti­to a un at­tac­co in­giu­sti­fi­ca­to agli ex di­pen­den­ti con l’ul­ti­mo per­pe­tra­to in que­sti gior­ni dal ca­po­di­vi­sio­ne del Dss che ha chie­sto a Se­cu­ri­tas di li­cen­zia­re il te­sti­mo­ne ed ex di­pen­den­te di Ar­go 1.

Que­ste so­no in­ti­mi­da­zio­ni con chia­ri mes­sag­gi ai la­vo­ra­to­ri che osa­no con­tra­sta­re l’agi­re di lo­schi per­so­nag­gi che spe­cu­la­no sul­la pel­le dei di­pen­den­ti e di fun­zio­na­ri con le ma­ni in pa­sta. Que­sto mes­sag­gio, ol­tre a es­se­re pe­ri­co­lo­so, è un pes­si­mo se­gna­le che non va smi­nui­to! Co­me do­vreb­be­ro rea­gi­re in fu­tu­ro le la­vo­ra­tri­ci e i la­vo­ra­to­ri che so­no te­sti­mo­ni di so­pru­si, in­giu­sti­zie e ir­re­go­la­ri­tà sa­pen­do che pos­so­no es­se­re at­tac­ca­ti dal­la stam­pa al po­sto di chi le mal­ver­sa­zio­ni le com­met­te? Vi­sto quan­to di­mo­stra­to da que­sto ca­so, la ri­spo­sta è pre­oc­cu­pan­te e al­lar­man­te: il se­gna­le che è sta­to da­to li in­vi­ta a re­sta­re in si­len­zio. E que­sto è sem­pli­ce­men­te inam­mis­si­bi­le!