Rafforzare il servizio pubblico

di Leonardo Schmid, candidato al Municipio e al Consiglio comunale di Locarno

Il Partito operaio e popolare Locarno si schiera per una città più vivibile, con posti di lavoro sicuri e dignitosi, e per la ridistribuzione della ricchezza.

Il Comune si occupa di importanti servizi: la cura degli anziani, le scuole, l’acqua, l’elettricità, la cultura, la cura degli spazi pubblici e verdi, la sicurezza, l’assistenza sociale, ecc. Dal servizio pubblico comunale dipendono molti lavori essenziali per la qualità di vita. Comproprietari della SES, delle FART, del Lido e altro, gli abitanti di Locarno hanno il diritto di vederci chiaro, affinché gli introiti generati dalla città siano investiti nel rafforzamento del servizio pubblico e non ingrassino le tasche dei soliti noti. Purtroppo però la maggioranza borghese dei municipali non è avvezza alla trasparenza. Lo scandalo dei mandati diretti non è che un esempio della malagestione. Tre misure a costo zero per fare trasparenza: istituire un’assemblea sindacale annuale del personale di ogni ente e dell’amministrazione pubblica; una commissione comunale, i cui membri in maggioranza siano delegati degli impiegati comunali e delle aziende pubbliche e parapubbliche; assemblee di quartiere aperte a tutti, dove dibattere sul funzionamento dei servizi e avanzare proposte. Fare politica è un impegno a favore di tutti e ognuno dovrebbe partecipare. Una società democratica deve dare a tutti la possibilità di vivere, crescere e partecipare secondo le proprie sensibilità e capacità. Purtroppo il dio denaro è l’unico valore che conta e quindi sempre più persone con ottime qualità vengono escluse dal mondo del lavoro e dalla vita sociale. La mia priorità è promuovere la partecipazione dei cittadini in un movimento popolare che spinga un cambiamento di sistema politico in favore dei lavoratori e delle famiglie. Il Partito del lavoro da oltre 60 anni in Svizzera lotta per una società socialista e il comunismo. Concretamente e contro tendenza rispetto al vento neoliberale, in Comune mi voglio impegnare per rafforzare il servizio pubblico, di qualità, di prossimità, rispettoso dei lavoratori, trasparente e democratico.