Gordola, moltiplicatore in orbita?

di Bruno Storni, candidato uscente al Municipio di Gordola

Non è mai stato facile gestire un Comune. Negli ultimi anni ancor meno. Da un lato ci sono nuove esigenze e si pretende maggior qualità dai servizi pubblici, dall’altro sempre maggiore è la difficoltà nel trovare persone competenti, disponibili a dedicarsi a un’attività amministrativa.

Dico amministrativa perché in ambito comunale più che politica si dovrebbe fare buona amministrazione, applicando al meglio quanto Cantone e Confederazione legiferano. Ad esempio pianificazione del territorio o legge edilizia, e qui vediamo proprio le cose peggiori, basta osservare l’ormai malconcio territorio ticinese, frutto di interpretazioni e applicazioni lassiste o clientelari di molti Comuni. A Gordola, un campionario di pasticci urbanistici e edilizi, la prima revisione del Piano regolatore in corso da oltre 25 anni, costata un milione in onorari con i risultati che conosciamo, è il frutto di errori e ritardi dei diversi capidicastero che si sono succeduti. Eclatante è il caso del Piano particolareggiato dell’area della stazione FFS, per il quale il Cantone nel 2008 aveva imposto un anno per concludere, ma non ancora terminato. Si è preferito lavorare per il posteggio privato nel bosco con il risultato (prevedibile) che sappiamo. Comuni che hanno sovente difficoltà a mantenere in stato dignitoso i propri stabili, a livello funzionale, di sicurezza, di accesso ai disabili o energetico. Se nel quadriennio precedente avevamo dovuto chiudere la piscina degradata, tenuta aperta per troppo tempo malgrado non rispettasse elementari norme igieniche, anche l’ultimo ha visto il degrado avanzare e la progettazione non affrontare il problema del futuro degli edifici comunali dalla base. Concludo con la poco credibile gestione finanziaria e il moltiplicatore tenuto basso artificialmente nell’anno preelettorale. Ma forse qui siamo a un punto di svolta: di recente il Cantone ha imposto l’aumento a un Comune che vuole realizzare un importante investimento edilizio. Cosa che potrebbe succedere presto anche a Gordola dove a furia di pasticciare si sono accumulati investimenti per 40 punti di moltiplicatore, ma che per il 2016 elettorale è stato mantenuto di 5 punti sotto quello aritmetico. Per arrestare il degrado progettuale e finanziario esposto, occorrerà finalmente passare a un’onesta analisi finanziaria e una ponderata pianificazione e gestione degli investimenti, sull’esempio dell’AAP.