Ridiamo valore agli spazi pubblici

di Giancarlo Gerosa, candidato al Municipio e al Consiglio comunale di Balerna

Spesso è utile cercare nel passato spunti di riflessione che ci aiutino ad agire, oggi, nell’azione politica, facendo sempre scelte nell’interesse di tutta la collettività e non di pochi singoli privilegiati. Quanto Karl Marx scriveva ne Il Capitale è, a mio parere, la sintesi e l’archetipo di ogni politica a difesa del territorio: «Anche un’intera società, una nazione e anche tutte le società di una stessa epoca prese complessivamente, non sono proprietarie della terra. Sono soltanto i suoi possessori, i suoi usufruttuari e hanno il dovere di tramandarla migliorata alle generazioni successive».

Il vivere bene in un Comune passa anche dal ridare valore e qualità agli spazi pubblici: strade, piazze o parchi che siano. La terra in cui viviamo, patrimonio di tutti, va usata con parsimonia e valorizzata negli aspetti paesaggistici e di rigenerazione per l’uomo.

Va quindi utilizzata per uno sviluppo sostenibile e non svenduta ad aziende, senza alcun legame con il territorio, che ci lasciano solo traffico e posti di lavoro precari e mal pagati.

Dobbiamo valorizzare le aree verdi ancora esistenti e intensificare lo sviluppo economico laddove ci sono possibilità di riconversione di aree artigianali o industriali. Costruire sull’edificato, favorendo gli insediamenti vicino agli assi di trasporto pubblico, che va sostenuto e ampliato nell’offerta.

A livello comunale possiamo dare questo tipo di orientamento attraverso la revisione del Piano regolatore. Vogliamo aumentare la qualità della residenza migliorando gli spazi pubblici e i collegamenti di mobilità lenta fra i punti d’interesse del Comune. Dopo l’esecuzione dei lavori in centro paese l’area che va dall’ex-asilo all’Ossario deve essere ripensata, e divenire luogo per le persone invece che non-luogo per le automobili.

Per il quartiere di Sant’Antonio si deve trovare il modo di conciliare la residenza con un’attività economica artigianale e di servizi sostenibile.

Compito dell’Esecutivo è quindi di immaginare la Balerna che vogliamo, nell’interesse del benessere di tutta la comunità; avere una visione e coinvolgere il più possibile la popolazione, i partiti, i gruppi d’interesse e il mondo economico nella costruzione dal basso di un progetto condiviso.