Serve un nuovo approccio per la politica locale

di Matteo Muschietti, candidato al Municipio e al Consiglio comunale di Coldrerio

Siamo alla metà del mese di febbraio. Nella maggior parte dei Comuni del Mendrisiotto si voterà per il rinnovo dei Municipi e dei Consigli comunali.

Chi si presenta per essere eletto nell’Esecutivo, deve essere conscio della mole di lavoro che lo attende.

Oggi essere municipale vuol dire dedicare ben più di 15 ore alla settimana per essere informato in modo esaustivo su tutti i dossier che animano la politica comunale. Bisogna essere consapevoli e conoscere abbastanza bene le leggi per prendere delle decisioni illuminate e adeguate. È un lavoro che impegna, ma è anche appagante. Infatti, quando si lavora per la collettività e si vuole il meglio con l’ausilio di tutto il collegio municipale e si riesce a realizzarlo, è una grossa fonte di soddisfazione. Chi sarà eletto deve operare instancabilmente per trovare e offrire le migliori soluzioni per la popolazione del Comune che rappresenta. Il lavoro di municipale, secondo il mio parere, non dovrebbe esaurirsi nella semplice partecipazione alle decisioni dell’Esecutivo, ma essere maggiormente propositivo. Una delle principali caratteristiche per seguire questo percorso resta un dialogo aperto e costante con la popolazione e conoscere in modo dettagliato il territorio.

Incontrando per strada le persone che ti fermano e ti pongono delle domande bisogna essere disponibili e accoglierle con un sorriso. Passare da un conviviale «come stai?» per poi parlare e appassionarsi della cosa pubblica, è un piacere immenso.

In più, specie se paragonata alla politica su scala più ampia, quella comunale ha il vantaggio di poter permettere un confronto diretto e sapere subito se le decisioni prese sono condivise o meno.

Se è vero che la politica che conta viene fatta a Berna, non bisogna dimenticare il lato bello di quella locale.

Faccio quindi un augurio speciale a tutti i candidati di essere riconfermati o eletti e desidero terminare queste brevi riflessioni invitandoli ad essere sempre sorridenti ed emanare gioia.

In questo momento difficile per avere un posto di lavoro, chi attualmente è in difficoltà deve trovare conforto in chi si occupa della cosa pubblica. Dopotutto non dobbiamo dimenticare che in questo mondo oggi tribolato basta una parola di solidarietà per ridare un sorriso a chi l’ha smarrito.